Paesaggio carsico

Paesaggi


Nel settore sudorientale, oltre l’Isonzo, il paesaggio degli altopiani carsici, esempio che dà il nome al fenomeno che si osserva anche in altre parti del mondo, è conseguenza della fessurazione degli strati calcari, in cui si formano depressioni (doline) e piccoli inghiottitoi (foibe).

 

  • Carso monfalconese

Il carsismo rappresenta l’elemento caratterizzante della peculiarità geografica di questa parte della regione, anche se testimonianze di paesaggio carsico si individuano anche nella zona submontana delle Prealpi Giulie e Carniche. Alcuni laghetti carsici, tra cui quello di Doberdò, e il Monte San Michele, quello con elevazione massima (274 m.), sono compresi nella parte occidentale del Carso.

 

  • Carso triestino

La sezione del Carso che circonda la città di Trieste presenta elevazioni maggiori, con rilievi che superano i 600 m. Le formazioni marnoso arenacee del flysch che ricoprono i bordi esterni, formano colline e ripiani. La massima elevazione è quella del Monte Cocusso/Kokoš (672 m.). Nella Val Rosandra si conclude la progressiva elevazione che procede in direzione nordovest-sudest. Ulteriore caratteristica è la presenza di grotte collegate alla circolazione sotterranea del Timavo, la più profonda delle quali è l’abisso di Trebiciano (-329 m.); la più grande è la Grotta Gigante, la cui sala raggiunge i 115 m. di altezza e presenta uno sviluppo longitudinale di 280 m. mentre la profondità massima è di -121 metri. Subito oltre l’attuale confine di stato si trovano la la Grotta delle fate/Vilenica jama, presso Corgnale/Lokev e le grotte di San Canziano/ Škocjanske Jame, nei pressi di Divaccia/Divača, gettandosi nelle quali il Timavo inizia il suo corso ipogeo.

 

  • Carso di Comeno e Notranjska

Al di là del confine politico tra Italia e Slovenia, si sviluppa il Carso di Comeno. Oltre il valico di Prevallo/Razdrto (l’antica Okra dell’antichità), su cui incombe la mole del Monte Re/Nanos, si estende il carso postumiese/Notranjska; al suo interno si trovano le maggiori grotte del continente europeo, le Grotte di Postumia, nonché altri notevoli fenomeni di carsismo, come il sistema Rio dei Gamberi/ Rakov Škocjan – lago Circonio/ Cerkniško jezero, conosciuto nell’antichità come Palude Lugea.

 

  • Carso istro-quarnerino

Nella parte settentrionale dell’Istria, la circolazione superficiale dell’acqua, su di un suolo a carattere calcareo, si limita ad alcune valli e conche in cui le acque meteoriche scorrono brevemente prima di inoltrarsi nel Carso ipogeo. Allo stesso modo, dalla soglia calcarea della parte orientale della penisola, si originano torrenti ipogei con foci che spesso risultano subacque.


Galleria immagini



Della stessa tematica